Multa record da 4,3 miliardi di dollari: Binance ha appena scoperto il prezzo delle violazioni dell’antiriciclaggio.

Perché la multa a Binance?

Violazione della legge antiriciclaggio statunitense: è questo l’esito di una lunghissima indagine da parte del Dipartimento di Giustizia USA su Binance, la piattaforma maggiormente diffusa al mondo per il trading di criptovalute.

L’indagine ha riguardato un insieme di transazioni illecite da parte di organizzazioni terroristiche. In realtà tutto questo rappresenta solo la punta dell’iceberg.

Binance, infatti, dovrà ora rispondere anche alla SEC (Securities and Exchange Commission) ed alla CFTC (Commodity Future Trading Commission).

A nostro parere, l’accusa rivolta a Binance è ancora più grave di quanto possa sembrare: in particolare, devono inoltre evidenziarsi la totale assenza sia di protocolli antiriciclaggio sia, soprattutto, la mancanza di un processo che permetta una adeguata identificazione della clientela (e noi, qui, abbiamo spiegato quanto sia rischioso non conoscerla).

L’importanza dell’antiriciclaggio

La multa da 4,3 miliardi di dollari è risultato di un patteggiamento da parte dell’ormai ex CEO di Binance, che dovrà rispondere anche personalmente per circa 200 milioni di dollari e rischiando di 10 anni di carcere. La vicenda mette chiaramente nero su bianco l’importanza dell’antiriciclaggio e di quanto possa materialmente costare ignorarlo.

 “Meglio chiedere il perdono che il permesso”

Pare che proprio questo fosse l’approccio del numero 1 di Binance nei confronti del personale sul tema antiriciclaggio: questo spiegherebbe i quasi 900 milioni di dollari di transazioni con Paesi soggetti a fortissime sanzioni, come l’Iran. E questo, purtroppo, è anche l’approccio, troppo spesso diffuso, tra coloro che la normativa definisce “soggetti obbligati”.

L’importo di una multa di tale ammontare spaventerà a sufficienza chi si trova in condizioni simili a quelle di Binance?

Intanto, mentre noi scriviamo, qualcosa nel mondo delle criptovalute si muove nella direzione di una regolamentazione sempre più stringente.

 

Hai bisogno di aiuto? Contattaci al form: